Disfunzione erettile: diagnosi, cause, conseguenze e sintomi

Disfunzione erettile: diagnosi, cause, conseguenze e sintomi

La disfunzione erettile è un disturbo erettile in cui l'uomo non è in grado di ottenere e/o mantenere un'erezione soddisfacente durante l'atto sessuale. Questo fenomeno può manifestarsi a qualsiasi età e le cause sono molteplici. Spieghiamo più in dettaglio la diagnosi per poterli rilevare così come i problemi alla base della disfunzione erettile.

1 Che cos'è la disfunzione erettile?
2 Cause e fattori aggravanti della disfunzione erettile
3 Come diagnosticare la disfunzione erettile?

Disfunzione erettile che cos'è?

La disfunzione erettile, chiamata anche impotenza maschile, è un fenomeno durante il quale l'uomo si trova incapace di ottenere o mantenere un'erezione nonostante l'eccitazione e il desiderio sessuale spesso presenti (fonte). Esistono diversi tipi di disfunzione erettile:

La totale assenza di erezione durante i rapporti sessuali e/o in altri momenti del giorno e della notte: erezione impossibile. – Erezione debole: il pene si indurisce ma non abbastanza per avere un rapporto sessuale soddisfacente: erezione morbida. – Difficoltà a mantenere l'erezione: il pene si indurisce correttamente ma ritorna ad uno stato flaccido durante l'atto. – Problemi di erezione durante l'atto sessuale nonostante una buona qualità dell'erezione mattutina o notturna.

Attenzione, è importante fare la differenza tra esaurimento e disfunzione erettile. In effetti, questi fenomeni possono verificarsi puntualmente ma non significano necessariamente che tu sia soggetto a un disturbo erettile. Infatti, per essere considerato patologico, il disturbo deve (fonte):

Sii ricorrente: il problema sorge durante ogni atto sessuale. – Presente a lungo termine: la disfunzione erettile è presente da più di 90 giorni.

Si noti che altri disturbi legati all'erezione, non sono considerati in senso stretto come disfunzione erettile: è il caso del priapismo, che è un'erezione che dura più di 4 ore, o erezione involontaria.

Le cause ei fattori aggravanti della disfunzione erettile

La disfunzione erettile è un fenomeno comune che colpisce tra l'11% e il 44% della popolazione maschile (fonte). Le cause sono varie. Ecco i principali fattori che possono predisporre alla disfunzione erettile.

Malattie cardiovascolari

Dato come funziona un'erezione, è comprensibile che le malattie cardiovascolari possano causare impotenza. In effetti, l'assenza di un'erezione può essere associata a una scarsa circolazione del sangue nel pene. La disfunzione erettile è uno dei primi sintomi di malattie cardiovascolari come la cardiopatia ischemica, l'iperlipidemia o anche disturbi vascolari periferici come l'arteriosclerosi (fonte).

Pertanto, in caso di disfunzione erettile, il professionista sanitario esaminerà la tua storia cardiaca e le tue potenziali predisposizioni. Se il tuo profilo sembra indicare una possibile malattia cardiaca, il tuo medico curante ti indirizzerà da un cardiologo per eseguire ulteriori esami.

Diabete di tipo 2

Si stima che tra il 35 e il 75% dei pazienti diabetici soffra di disfunzione erettile (fonte). Infatti, il diabete di tipo II è una malattia caratterizzata da insulino-resistenza e aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Questa patologia viene spesso diagnosticata in ritardo e intorno ai 9-12 anni dopo l'esordio della malattia. Le complicanze associate al diabete di tipo 2 sono spesso irreversibili. Pertanto, è importante rilevare la patologia il prima possibile per ridurre al minimo gli inconvenienti alla base della malattia.

La disfunzione erettile è uno dei sintomi predominanti del diabete di tipo 2 ed è spesso la conseguenza di danno vascolare, squilibrio ormonale e disfunzione endoteliale (fonte).

ansia e depressione

Depressione e ansia sono disturbi neurologici che possono favorire l'insorgenza della disfunzione erettile (fonte). Tuttavia, è ancora difficile determinare la relazione causale tra questi disturbi e l'impotenza (fonte). Eppure gli studi hanno dimostrato la relazione tra depressione e disfunzione erettile. Pertanto, è stato dimostrato che il 90% delle persone con depressione grave era incline all'impotenza e il 59% nei depressi di grado moderato (fonte).

Ipertrofia prostatica benigna

L'iperplasia prostatica benigna o l'adenoma prostatico è un tumore benigno. Ciò aumenterà di conseguenza considerevolmente il volume della prostata. Se si dice che questo tumore sia benigno, può causare alcune complicazioni come la disfunzione erettile. Ciò ha la conseguenza di abbassare la qualità della vita e dei rapporti sessuali dei pazienti (fonte). Sebbene l'iperplasia prostatica possa causare impotenza in circa il 19,2% dei casi, può anche favorire la comparsa del priapismo.

Condizioni neurologiche

Il danno cerebrale può anche essere la causa della disfunzione erettile. Diversi studi hanno correlato l'impotenza e alcune patologie cerebrali come le lesioni del midollo spinale, la sclerosi multipla, l'epilessia o le malattie neurodegenerative Parkinson e Alzheimer (fonte).

Trattamenti farmacologici

Molti trattamenti farmacologici possono avere disfunzioni sessuali come effetti collaterali come disturbi della libido, disturbi dell'eiaculazione o impotenza sessuale. I farmaci incriminati sono numerosi, e la maggioranza mira a curare le patologie stesse legate alla disfunzione erettile. Tra questi trattamenti ci sono (fonte):

Antidepressivi psicotropiBeta bloccanti ( contro l'ipertensione) Vasodilatatori AntistaminiciIpoglicemizzanti (per il diabete di tipo 2).

Chirurgia e radioterapia

Anche le procedure chirurgiche come la chirurgia per il cancro alla prostata possono causare disfunzione erettile. Questo tipo di intervento, infatti, mira ad eliminare le cellule cancerose presenti nella prostata. Tuttavia, questo trauma può causare in molti casi una temporanea scomparsa dell'erezione. Quindi, in questo caso, dovrai parlarne con il tuo chirurgo e seguire l'evoluzione della tua disfunzione sessuale. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di disturbo è temporaneo (fonte).

Inoltre, la radioterapia, eseguita per combattere alcuni tipi di cancro, può causare la perdita dell'erezione. Ciò è spesso dovuto a radiazioni che interrompono la vascolarizzazione del pene. In genere, questo problema è temporaneo (origine).

Come diagnosticare la disfunzione erettile?

Prima di tutto, e prima di andare da uno specialista, dovrai sapere se il tuo problema è occasionale o ricorrente per questo dovrai guardare:

Durata: la disfunzione erettile è considerata tale quando il disturbo si protrae per più di 90 giorni. – La frequenza: l' impotenza è ricorrente. Pertanto, dovrai osservare la frequenza del disturbo. In alcune persone la disfunzione è presente durante ogni atto sessuale, in altri pazienti il ​​problema si ripresenta ogni volta.

Se si soddisfano i criteri principali per la disfunzione erettile, si consiglia vivamente di consultare rapidamente un professionista della salute. In effetti, questo fenomeno è spesso sintomatico di un'altra malattia ed è importante trattare il disturbo il prima possibile per aumentare le possibilità di risoluzione.

Tuttavia, parlare con il medico della disfunzione erettile non è sempre facile. Ma come abbiamo visto, le conseguenze fisiche e gli impatti sulla vita sessuale e sulla vita quotidiana possono essere troppo grandi per non trattare questo disturbo. Può essere consigliabile andare da uno specialista, come un sessuologo, con il quale poi ti sarà più facile avvicinarti all'argomento.

Sujets similaires

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.