Pene retraente: cosa fare contro l'atrofia del pene?

Pene retraente: cosa fare contro l'atrofia del pene?

Gli uomini ei loro peni, è una bella storia. È un po' normale, è ancora simbolo di virilità, forza e piaceri carnali. Di conseguenza, misuriamo, confrontiamo, scopriamo tutti i tipi di disfunzioni.

In breve, può diventare rapidamente un'ossessione. Ma di tutti i complessi, è quella della dimensione ideale del pene che vince tutti i voti. Quindi, quando sentiamo parlare di atrofia del pene, un piccolo brivido ci corre lungo la schiena. L'asta che si ritrae, che cos'è esattamente?

Descriveremo in dettaglio le cause dell'atrofia del pene, le sue conseguenze e le soluzioni esistenti per combattere la sindrome del pene che ritorna.

1 Atrofia del pene: che cos'è?
2 Quali sono le cause dell'atrofia del pene?
3 Quali sono le conseguenze dell'asta penetrante?
4 Come combattere la retrazione del pene?

Atrofia del pene: che cos'è?

L'atrofia del pene è una diminuzione delle dimensioni e del volume del pene. Tutti gli uomini sperimentano una retrazione temporanea del pene: quando fa freddo, a contatto con l'acqua o quando sono stressati (fonte). Questo è del tutto normale e nulla di cui preoccuparsi.

Tuttavia, in alcuni casi, il pene che si restringe diventa durevole. La dimensione del pene diminuisce inevitabilmente. Ciò può influenzare la vita sessuale di alcuni uomini e causare disfunzione erettile o impotenza.

Come vedremo più avanti, ci sono diverse spiegazioni per questo fenomeno. Sappi che in generale non ci sono ripercussioni sulla salute. Tuttavia, se hai dei dubbi, nulla ti impedisce di consultare un medico. Questo tipo di consultazione è del tutto legittimo. Quando si tratta di peni, prevenire è meglio che curare.

Fai attenzione, tuttavia, a non confondere l'atrofia del pene con l'avere un pene piccolo o addirittura un micro-pene. La retrazione del pene riflette un'evoluzione delle dimensioni del pene che decresce nel tempo (fonte).

Mentre il piccolo o il micro-pene sono condizioni determinate dalla nascita che verranno confermate alla pubertà (fonte). Se hai dei dubbi sulle dimensioni del tuo pene, potrai imparare a misurare il tuo pene.

Tuttavia, tieni presente che la dimensione media di un pene in Francia è di 14,8 cm in erezione. Tuttavia, i micro-peni interessano solo lo 0,6% della popolazione (fonte), si tratta di peni la cui dimensione non supera i 9,3 cm in erezione.

Quali sono le cause dell'atrofia del pene?

Se noti frequentemente il restringimento del pene, potresti avere un'atrofia del pene. Le cause di questo fenomeno sono varie.

La vecchiaia provoca atrofia del pene

Nella stragrande maggioranza dei casi, l'atrofia del pene è correlata alla vecchiaia (fonte). Alcuni uomini notano che il loro pene sta perdendo lunghezza già all'età di 40 anni, mentre altri fanno questa osservazione tra i 60 e i 70 anni.

In generale nel corso degli anni il pene perde tra 1 e 1,5 cm. Questo è un fenomeno del tutto normale ed è legato a diversi fattori :

1. Diminuzione della produzione di testosterone. Questo ormone sessuale determina, tra le altre cose, la dimensione del sesso maschile e influenza il desiderio sessuale e le funzioni erettili (fonte). Purtroppo nel tempo l'organismo tende ad abbassare la sua produzione ormonale. Ecco perché, ad una certa età, alcuni uomini soffrono di un disturbo della libido, disfunzione erettile e talvolta questo è accompagnato da un restringimento del pene a riposo. Questo è uno dei sintomi dell'andropausa: declino del testosterone legato all'età. 2. Diminuzione della produzione di collagene ed elastina. Per comprendere questo concetto è importante sapere come funziona un'erezione. Quando l'uomo è eccitato, la pelle del suo pene si allunga. Inoltre, a questo punto, l'epidermide è particolarmente elastica grazie a due molecole: collagene ed elastina (fonte). Con l'età, le cellule del nostro derma si degradano e perdono le loro proprietà. Il pene assume un aspetto rugoso e questo può essere accompagnato da una riduzione delle dimensioni del pene con l'età. 3. Scarsa circolazione sanguigna. Un altro fattore che gioca nelle dimensioni del pene, il sangue che scorre nel pene. Con l'età, i vasi sanguigni tendono a perdere elasticità che può degradare il flusso sanguigno del sesso (fonte). Questo può anche spiegare la riduzione del pene con l'età.

Mancanza di sesso

A volte l'atrofia del pene è spiegata dalla mancanza di rapporti sessuali. In realtà, ciò è dovuto principalmente ai lunghi periodi senza erezione. Se non riesci a ricordare l'ultima volta che hai avuto un'erezione, questa potrebbe essere la causa dell'arretramento del pene.

In questo caso, un terapista sessuale potrebbe consigliarti di masturbarti più spesso o di praticare di tanto in tanto un massaggio al pene.

disfunzione erettile

Un'altra possibile causa di retrazione del pene è la disfunzione erettile. A volte abbiamo l'impressione che il nostro pene si sia rimpicciolito ma in realtà è piuttosto che l'erezione non sia ottimale.

L'erezione maschile è estremamente sensibile e alcuni fattori come lo stress, la dieta o il ritmo della vita possono influenzare la funzione erettile (fonte). Le cause della disfunzione erettile sono numerose e non sempre facili da diagnosticare. Una cosa è certa, non ha nulla a che fare con la tua virilità.

Alcune patologie

Ci sono malattie che causano il restringimento del pene a riposo. Tra questi, possiamo citare la patologia di Koro o Lapeyronie (fonte, fonte). La malattia di Koro provoca un'elevata ansia associata alla paura della retrazione del pene.

Questo disturbo psicosomatico dell'atrofia del pene è più comune nella cultura asiatica (fonte).

Nel caso della malattia di Lapeyronie si tratta di una patologia acquisita (cioè non ereditaria e non congenita) che determina la comparsa di placche fibrose a livello del corpo cavernoso e della tunica albuginea.

Da questa malattia deriva una retrazione del pene (fonte). Queste patologie possono essere curate e ti consigliamo di rivolgerti a un professionista della salute come un urologo che sarà in grado di supportarti durante la tua guarigione.

Quali sono le conseguenze del ritorno della canna?

Il pene che si ritrae può avere molte conseguenze a livello fisico e mentale. Pertanto, questo tipo di fenomeno può portare a:

Depressione: infatti, il restringimento del pene può portare ad una sensazione di frustrazione che può portare alla depressione del soggetto (fonte). – Ansia: inoltre, gli uomini con atrofia del pene possono sviluppare ansia al riguardo (fonte). – Disfunzioni sessuali: il pene che si ritrae può dar luogo anche a disfunzioni sessuali come disturbo dell'eiaculazione, perdita della libido o addirittura disfunzione della funzione erettile (fonte). – Un pene che si ritrae ancora più spesso: infatti, nella maggior parte dei casi, il pene che si ritrae tornerà alla normalità. Tuttavia, se il problema non viene risolto, l'atrofia del pene si ripresenterà e sempre più spesso. Ciò può comportare un'inevitabile retrazione del pene. Pertanto, si consiglia di prendere sul serio questo problema e risolverlo in breve tempo.

Come combattere la retrazione del pene?

Per risolvere il problema del restringimento del pene esistono diverse soluzioni la cui efficacia è stata dimostrata in diversi studi scientifici. Tieni presente che non tutte le soluzioni potrebbero essere adatte a te.

Questo è il motivo per cui ti consigliamo vivamente di chiedere consiglio a un professionista della salute come il tuo medico, un urologo o un sessuologo.

Questi specialisti saranno infatti in grado di offrirti la soluzione adatta al tuo caso, presentarti le controindicazioni e i potenziali effetti collaterali e accompagnarti durante tutto il trattamento.

Integratori alimentari

Se soffri di atrofia del pene, non c'è nulla di cui preoccuparsi perché ci sono soluzioni. Uno dei rimedi è l'integratore alimentare: un metodo è naturale al 100%.

Tra gli aiuti naturali esistenti, Member XXL ha accompagnato molti uomini che affrontano il problema dell'atrofia del pene.

Questo prodotto contiene solo elementi naturali come estratti vegetali (ginseng, fieno greco, pepe nero e zafferano) e aminoacidi come L-Arginina. Migliorano la circolazione sanguigna e quindi la qualità delle erezioni, ma favoriscono anche l'allungamento del pene.

Alcuni ingredienti aiutano anche ad aumentare la produzione di testosterone e stimolano il desiderio sessuale. Non esitate a leggere la nostra opinione su Member XXL per ulteriori informazioni su questo argomento.

Chirurgia

La seconda opzione per combattere la retrazione del pene è la chirurgia. Infatti, per alcune malattie come la patologia della Lapeyronie, gli specialisti consigliano l'operazione chirurgica che consentirà, tra l'altro, di allungare il sesso per avere così un pene più grande (fonte).

Tuttavia, la chirurgia del pene può avere gravi effetti collaterali come dolore, malformazioni o problemi di erezione. Inoltre molti interventi chirurgici non durano nel tempo e l'operazione dovrà essere ripetuta più volte (fonte).

Si noti che questa operazione viene eseguita in anestesia generale. Infine, va tenuto conto anche del costo di tale operazione.

È importante chiedere il parere di un medico specialista e di un chirurgo sessuologo che sapranno guidarti nella scelta e mostrarti i possibili effetti collaterali e controindicazioni a seconda del tuo caso.

Masturbarsi

Hai letto bene, una delle soluzioni per combattere la retrazione del pene è masturbarsi (fonte). Come spiegato sopra, la mancanza di rapporti sessuali può portare all'atrofia del pene.

Pertanto, per combattere questo tipo di fenomeno, è incoraggiato a promuovere l'erezione masturbandosi o eseguendo massaggi sessuali.

terapie

L'ultima opzione è quella di consultare uno specialista come un terapista sessuale. Questo infatti saprà rassicurarti davanti al tuo pene che si ritrae. Così potrà offrirti soluzioni concrete adatte al tuo caso.

Sujets similaires

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.